Idee per progettare

Il caminetto a bioetanolo

Ultimamente sembrano essere diventati un must del design, effettivamente quella fiammella magica che appare dal nulla può avere un tocco veramente di classe in un salotto o in una sala. I caminetti ad etanolo, detti anche a bioeetanolo, usano come combustibile l’etanolo appunto, quello che volgarmente definiamo alcool. La definizione bioetilene si riferise all’origine: l’alcool infatti proviende dai processi di fermentazione di organismi viventi, per cui qualsiasi etilene è sempre di origine biologica, rendendo quindi il bioetanolo ricavato in questo modo naturale una risorsa rinnovabile.

I camini ad etanolo possono veramente scatenare la fantasia di chi li usa: occupano pochissimo spazio, il combustibile richiesto va messo in un piccolo serbatoio, non richiedono manutenzione ne impianti, per cui sono 100% flessibili. Per questo motivo c’è chi li inserisce nei luoghi più disparati e nelle forme più diverse: tra dei vetri sottili, al posto di un vero camino, in mezzo alla stanza su un supporto circolare, pietre… Si tratta quindi di un complemento per il riscaldamento.

Non è assolutamente sostitutivo di altri tipi di riscaldamento, ma certo può riscaldare, in modo economico, più ecologico del caminetto a legna e sopratutto comodo e pulito. Non fumo, ne fuliggine, ne gas tossici o puzza, e come già detto è estremamente decorativo: può dare a qualsiasi stanza un tocco di eleganza unico.

Mediamente un biocaminetto può sprigionare una fiamma con calore tra i 2 e 4 Kw, sufficienti per un ambiente di massimo 40 metri quadrati. Certo esistono diversi costruttori e diverse marche di etanolo da usare, in base alla forma, alla gestione della fiamma ed alla miscela si possono avere biocaminetti con impianti che possono riscaldare completamente anche una casa. Certo è che si tratta di un lusso per chi vuole godersi una bella fiammella senza trasportare legna, pulire o dovere fare lavori in casa, visto che anche il prezzo del combustibile non è basso: si parla di una media di 3 euro al litro ed un litro dura circa 5 ore, costi che diventano proibitivi. Se siete coscienti che il biocaminetto è più che altro una soluzione decorativa, cercate perlomeno di scegliere modelli più efficienti possibili per non sprecare inutilmente combustibile senza sentire calore, e ricordatevi di accenderlo giusto quelle volte in cui volete un atmosfera un poco speciale

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top